Poesia di Alda Merini (1931-2009)

Posted on: febbraio 7, 2010

Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta.
Così Proserpina lieve
vede piovere sulle erbe,
sui grossi frumenti gentili
e piange sempre la sera.
Forse è la sua preghiera.

[ Alda Merini, da Vuoto d'amore, 1991]

2 Risposte a “Poesia di Alda Merini (1931-2009)”

  1. cesare Says:

    Si piange alla sera,perchè alla sera si è anche più soli!
    La preghiera nasce dalle lacrime, ma, alla fine, si trasforma in dolce sorriso, di sollievo e di speranza.

  2. cesare Says:

    Una mia poesia per Alda.
    ________________________

    LA TUA SIGARETTA

    L’alone di fumo
    della tua sigaretta,
    per nascondere le pene
    che ti hanno afflitto.

    Il calore della cenere
    fra le tue dita,
    per scaldare
    lo scrivere dei tuoi versi.

    Per aprire, Alda,
    al sorriso,
    quelle tue angosce,
    ora amata poesia!

    Cesare

Lascia una risposta