Successo di vendite in FVG per l’imbalsamatrice di Mary B. Tolusso: ecco il booktrailer!

Successo di vendite in FVG per l’imbalsamatrice di Mary B. Tolusso: ecco il booktrailer!

successo di vendite in FVG per “L’imbalsamatrice” della scrittrice Mary Barbara Tolusso, romanzo accompagnato da un insolito booktrailer firmato Escapista
di Massimo Premuda

Successo di vendite in FVG per “L’imbalsamatrice”, (Gaffi editore, 2009) l’ultima fatica narrativa della giornalista e scrittrice triestina Mary Barbara Tolusso, che racconta la storia di una donna anticonformista divisa fra una oscura tensione alla morte, espressa sul lavoro, e una sana pulsione alla vita, esplicitata in un vorace erotismo.
Mary B. Tolusso, vive tra Trieste e Milano ed è conosciuta come giornalista scrivendo di teatro e letteratura per “Il Piccolo” e “Il Gazzettino”, e collaborando con la rubrica di poesia del nuovo “Almanacco dello Specchio” (Mondadori). Sue poesie sono state tradotte in svariate lingue, e ha pubblicato diverse raccolte poetiche, fra le quali: “Cattive maniere” (Campanotto, 2000), “L’inverso ritrovato” (LietoColle, 2003, Premio Pasolini 2004), e nel 2008 una sezione da “Il freddo e il crudele” è stata pubblicata nell’”Almanacco dello Specchio” (Mondadori). E’ inoltre autrice di un’insolita biografia romanzata dedicata alla vita dell’artista udinese Carlo Ciussi: “Senza titolo. Appunti di vita di Carlo Ciussi” (Campanotto, 2000).

“N. è una giovane donna, sensuale e sfrontata, che ha ben poco in comune con le sue coetanee. Di giorno lavora in un laboratorio asettico in mezzo ai cadaveri: li rende belli per il loro ultimo saluto ai vivi, mentre la notte reclama la vita e va in cerca di corpi che esaudiscano la sua energica sensualità, il suo desiderio di trasgressione, in una spasmodica e ossessiva fuga dal perbenismo e dalla normalità degna del Marchese de Sade. Sullo sfondo una sonnacchiosa Trieste che di notte si sveglia e, ancora più bella e misteriosa, assiste indulgente alle scorribande erotiche di N. in cui il sesso è al contempo liberazione e ossessione. Anche il linguaggio sembra rispecchiare gli stati d’animo della protagonista: acceso, vibrante, spesso sopra le righe ma vivo e mai strumento sterile alle dipendenze della trama. In bilico tra il rapporto quasi monacale con il fidanzato e il desiderio insaziabile di corpi femminili, N. si rivela nella sua complessità: in apparenza cinica ed egoista, cela dietro il sarcasmo e la nera ironia un’urgenza di autenticità e di verità nei rapporti con gli altri, il bisogno di trovare se stessa e la ricerca di un significato che sembra sfuggire alla sua esistenza e che ogni notte insegue negli odori e negli umori della carnalità.”
info: www.gaffi.it
http://tolussomb.blogspot.com

Lascia una risposta