Napoli: Marinuzzi vince il Premio Caprienigma 2010 per il suo lavoro sull’opera dello scrittore-enigmista Perec

Napoli: Marinuzzi vince il Premio Caprienigma 2010 per il suo lavoro sull’opera dello scrittore-enigmista Perec

venerdì 12 novembre il regista riceve il premio a Napoli nell’ambito della manifestazione “Il potere del potenziale – Regole per la creatività” promossa da Oplepo - Opificio di letteratura potenziale e “Costola italiana” del piu’ celebre Oulipo francese
di Massimo Premuda

Il regista triestino Alessandro Marinuzzi è il vincitore del VII “Premio Caprienigma per l’arte 2010” a riconoscimento del suo pioneristico lavoro teatrale di riscoperta, in Italia, dell’opera di Georges Perec, il celebre scrittore-enigmista francese.
Oggi, all’Institut Français “Le Grenoble” di Napoli, Marinuzzi riceve il premio in abbinata con la poetessa Patrizia Valduga (Premio Caprienigma per la letteratura 2010), nell’ambito della manifestazione “Il potere del potenziale – Regole per la creatività” promossa da Oplepo - Opificio di Letteratura Potenziale e “costola italiana” del più celebre Oulipo l’istituto fondato nel 1960 in Francia da Raimond Queneau e a cui aderirono, fra gli altri, lo stesso Perec e Italo Calvino.
Il Premio Caprienigma - che quest’anno festeggia con un convegno sia il ventennale dell’Oplepo che i cinquant’anni di Oulipo - è stato vinto nelle precedenti edizioni da personalità come Edoardo Sanguineti, Enrico Baj, Luciano Berio, Jacques Roubaud, Fabio Carpi, Guido Davico Bonino, Alessandro Bergonzoni, Petra Magoni.
La premiazione di oggi è preceduta dalla lettura scenica di “L’arte e la maniera di abbordare il proprio capoufficio per chiedergli un aumento”, il monologo di Perec che Alessandro Marinuzzi ha messo in scena nel 2006 per la produzione del CSS Teatro stabile di innovazione del FVG dirigendo l’amica e attrice Rita Maffei in un’intrigante sfida scenica.

“L’arte e la maniera di abbordare il proprio capoufficio per chiedergli un aumento” è infatti un effervescente “decalogo” a metà fra “manuale di self help” e corso di automotivazione su come arrivare preparati al fatidico giorno del faccia a faccia con il “boss” nel tentativo di ottenere un aumento salariale. Cinquanta spettatori sono coinvolti ogni sera in un gioco di forte immedesimazione: fatti sedere attorno ad un tavolo da riunione, si ritroveranno infatti a colloquio diretto con una donna-manager che impartisce preziosi segreti e “strategie” di approccio al capo.
Georges Perec, l’eclettico scrittore, sociologo ed enigmista francese, simulando l’applicazione di un metodo scientifico al problema “richiesta d’aumento”, scrisse questo testo dal sapore assolutamente surreale e ludico nel 1968, trattando un organigramma aziendale come un dedalo di crocicchi, di svolte, di stanze di semplici impiegati e lussuose sale dirigenziali, prevedendo di attraversare questo labirinto con una strategia che tenesse conto degli eventi del caso e della fortuna, degli imprevisti e delle mille varianti della vita quotidiana.
Nel 1990 fu lo stesso Marinuzzi a firmare la prima messa in scena teatrale di Perec in Italia, per la neonata compagnia del CSS. Lo spettacolo si intitolava allora “L’Aumento” e coinvolgeva sei attori e la voce fuori campo di Marisa Fabbri. Quindici anni dopo, Marinuzzi è ritornato all’opera di Perec dirigendo Rita Maffei in un monologo “cucito” addosso al suo talento interpretativo.
Lo spettacolo - prodotto dal CSS Teatro stabile di innovazione del FVG - ha debuttato nel 2006 a Montalcino ed è stato in scena per quattro anni in tutta Italia accumulando una settantina di repliche fra Udine, Bologna, Il Cairo, Trieste, Milano, Prato, Torino, Genova, Bolzano, Napoli, Chieti e altre città. Rita Maffei torna in scena con “L’arte e la maniera di…” anche nel 2011, a Lucca dal 28 al 30 gennaio e a Soncino (CR) il 4 e 5 febbraio.
info: www.caprienigma.it
www.cssudine.it

Lascia una risposta