Teatro Miela: rivive in REWIND la danza verticale del Gruppo78 sul pontone Ursus della Città Radiosa

Teatro Miela: rivive in REWIND la danza verticale del Gruppo78 sul pontone Ursus della Città Radiosa

il 18 gennaio al Teatro Miela di Trieste va in scena la performance multimediale “REWIND-Ursus multimedia project”, all’interno del progetto di arte pubblica “La città radiosa” del Gruppo78
di Massimo Premuda

Rewind, riavvolgere, … ossia rivisitare. Che cosa? La rivisitazione riguarda lo straordinario spettacolo sull’Ursus della scorsa estate, l’indimenticabile serata del 28 luglio 2010 e con esso la sua matrice: La città radiosa. Una sorte di prolungamento di quella magia attraverso la ricca documentazione che ne è scaturita.
La rivisitazione si svolgerà il 18 gennaio 2011 al teatro Miela per la promozione del GRUPPO78 a cura di Maria Campitelli.

Ursus multimedia project è stato un evento che ha riunito diversi linguaggi, quello della danza vericale prodotta dalla compagnia di Venezia IL POSTO, guidata dalla coreografa Wanda Moretti, della musica live di Marco Castelli Small Ensemble con sax, loops e live electronics, e delle video-proiezioni di Cecilia Donaggio, che con una pioggia di immagini desunte da La città radiosa e da altre citazioni storiche, fungeva da legante tra gli altri due. Una fusione inedita che ha fatto rivivere per una notte attraverso l’arte, questo antico gigante del mare, riproponendolo all’attenzione della cittadinanza al fine di incentivarne la conservazione.
Il progetto faceva parte delle idee di intervento, di revitalizzazione e trasformazione di luoghi abbandonati (in questo caso di strutture vetero industriali) di Trieste e della sua provincia, oggetto di ricerca de LA CITTA’ RADIOSA. Ossia un progetto questo, sostenuto dalla Provincia di Trieste, che concerne la loro mappatura - con successive progettazioni ed eventuali realizzazioni – operante attraverso un sito interattivo– www.lacittaradiosa.eu -

Rewind rievoca quella notte con i migliori materiali video e fotografici da essa ricavati con un intervento live del sassofonista Marco Castelli, che contribuirà in larga misura a riproporre quell’atmosfera, e con il progetto video-grafico di Cecilia Donaggio che s’intreccerà alle immagini live del musicista. E sarà evocata anche “La città radiosa”.

Infatti l’evento si articola in due momenti distinti : nel pomeriggio, tra le 17 e le 19 nel bar del teatro s’installerà un laboratorio con diverse postazioni internet, per ricollegarsi al sito interattivo, visitarlo, apporvi nuovi contributi, discuterli, aggiornarsi sulla situazioni prese in esame, che in più di un anno di attività, possono essere anche mutate. Nel frattempo sui muri verranno proiettate immagini relative a La città radiosa”. Seguirà un aperitivo/catering offerto dalla Cooperativa sociale 2001 AGENZIA SOCIALE.

In serata invece, dalle ore 21, ci sarà nella sala grande, un breve concerto live di Marco Castelli, con musiche per sax, loops e live electronics, supportato dal live visual set di Cecilia Donaggio. Dopo il concerto sarà proiettata la documentazione su Ursus multimedia project prodotta da guitto, una lettura interpretativa realizzata da Paola Pisani ed altri contributi visivi relativi allo spettacolo. Contemporaneamente nel bar, nella saletta video, come pure all’ingresso, ci saranno altre video-testimonianze su luoghi abbandonati e sulle idee di intervento progettate per La città radiosa.

Nell’arco della serata sarà disponibile la rivista semestrale Sconfinamenti n. 18, dal titolo “Castelli in aria-iMMaginare con testi” – edita dalla cooperativa sociale 2001 Agenzia Sociale - che contiene un articolo su “La città radiosa”.
info: www.lacittaradiosa.eu
www.gruppo78.it

Lascia una risposta